Editor

Come editor XML è possibile usare qualsiasi editor di testo. Infatti, al contrario di HTML, XML non ha alcuna "rappresentazione visuale" predefinita, quindi il concetto di editor WYSIWYG non ha alcun senso. Tuttavia, sono disponibili tool integrati che offrono utilità quali la syntax highlighting, la rappresentazione "a blocchi" del documento ecc.

Lavorando con Windows, un ottimo editor di questo tipo è XML Spy.

L'editor offre, oltre alle caratteristiche citate sopra anche altre interessanti utilità:

XML Spy è shareware, e la sua licenza provvisoria permette un uso di prova della durata di 30 giorni. Potete scaricarlo direttamente dal sito web del produttore.

Parser e Validatori XML, API DOM e SAX

Questo tipo di programmi mettono a disposizione l'implementazione del Document Object Model (DOM) di XML e delle Simple API for XML (SAX). Attraverso queste API è possibile manipolare via codice XML, validarlo e trasformarlo.

Il miglior pacchetto free di questo tipo è xerces prodotto dall'Apache XML Project.

Si tratta di un prodotto freeware scritto in Java (ma esiste anche una versione C++ attualmente in fase di sviluippo), quindi dovrebbe ragionevolmente funzionare su tutti i sistemi su cui siano installate una JDK o una JRE recenti ( potete scaricarle dalla SUN).

xerces dispone di numerose classi utili per la manipolazione di XML, per la programmazione di applicazioni che interagiscano con XML, ecc. Inoltre, tra le applicazioni di esempio è sono presenti alcuni pratici tool per la validazione di XML.

Per usare xerces procedete in questo modo:

Per ulteriori informazioni consultate la documentazione di xerces e il file README.

Per Windows è disponibile la libreria XML di Microsoft. L'attuale versione implementa completamente DOM e SAX2.

wpe2B.jpg (56515 byte)

La libreria si interfaccia direttamente con Internet Explorer, il che significa che, se si apre un documento XML, IE è in grado di verificarne la forma, validarlo col suo DTD/Schema ed eventualmente anche trasformarlo con il foglio di stile XSLT associato, mostrandone il risultato.
ATTENZIONE: Per funzionare la libreria richiede che sul sistema sia installato Internet Explorer versione 5 o successiva.
Poiché Internet Explorer 5.5 o 6.0 viene distribuito direttamente con questa una delle ultime versioni della libreria, se lo avete installato potete ignorare la procedura che segue.

Per installare la libreria, supposto che sul sistema sia già installato Internet Explorer, procedete in questo modo:

Potete scaricare direttamente da questo sito un archivio zip estratto dalla Microsoft XML SDK versione 3, contenente un file di help molto dettagliato che descrive tutte le funzionalità della libreria e fornisce anche un utile riferimento a tutti gli elementi dei DTD, di XSLT e di XPath (comprese le funzioni XPath correntemente disponibili nella libreria e quindi utilizzabili nei fogli XSLT). Questo file si riferisce alla versione 3 della libreria: le versioni più recenti potrebbero essere lievemente differenti, ma potete sempre trovare la SDK aggiornata con incluso il file di help sul sito Microsoft.

Trasformatori XSL

La maggior parte degli editor XML, tra cui lo stesso XML Spy, non ha gli strumenti per applicare direttamente le trasformazioni XSL. Questi programmi di solito poggiano su trasformatori esterni, anche se rendono trasparente all'utente tutto il processo.

Per Windows, un ottimo trasformatore XSLT è inserito nella libreria  XML di Microsoft.

wpe2B.jpg (56515 byte)

A partire dalla versione 3, la libreria implementa tutta la specifica XSLT e XPath e si interfaccia direttamente con Internet Explorer, il che significa che, se si apre un documento XML, IE è in grado di trasformarlo con il foglio di stile XSLT associato, mostrandone il risultato

Per installare la libreria XML di Microsoft, seguite le istruzioni date più in alto nella sezione Parser e Validatori XML.

Poiché msxml è il trasformatore predefinito per XML Spy, se avete installato anche questa applicazione potete iniziare subito ad effettuare test di trasformazione. Potete anche provare ad aprire i file XML direttamente in Internet Explorer.

Se non lavorate con Windows o non volete installare Internet Explorer, potete scaricare xalan prodotto dall'Apache XML Project.

Anche questo è un prodotto freeware ed è scritto in Java (ma esiste anche una versione C++ attualmente in fase di sviluppo), quindi dovrebbe ragionevolmente funzionare su tutti i sistemi su cui siano installate una JDK o una JRE recenti (potete scaricarle dalla SUN).

Xalan dispone di numerose altre classi utili per la trasformazione e la gestione di XML dal lato server, per la programmazione di applicazioni che interagiscano con XML, per l'applicazione di XPath, ecc.

Per usare xalan procedete in questo modo:

Per ulteriori informazioni consultate la documentazione di xalan e il file README.

Infine, se non avete a disposizione un PC su cui installare i pacchetti suggeriti qui sopra, ma avete un accesso al Web (evidentemente!), potete provare le vostre trasformazioni online sulla pagina XSLT Online Transformation.

Visualizzatori

Per visualizzare l'output della trasformazione XSLT, dovreste usare un programma specifico per il tipo di documento che avete creato. Nella maggior parte dei casi, questo sarà un documento HTML, per il quale potrete usare un browser qualsiasi.

Tool Integrati

Ho realizzato una piccola raccolta di tools integrati, scritti in Java, che raccoglie tutte le funzionalità necessarie a studiare XML e XSLT. I programmi sono in continuo sviluppo, ma attualmente sono abbastanza stabili.

I tool sono raccolti in un unico archivio Java (JAR) che contiene anche tutte le dipendenze necessarie al loro corretto funzionamento. Tutto quello di cui avete bisogno sono una JDK o una JRE recenti (potete scaricarle dalla SUN).

I tool messi a disposizione sono tre: Validate (validazione XML), Query (interrogazione con XPath) e Transform (trasformazione XSLT). E' inoltre disponibile una semplice GUI che permette di visualizzare la struttura dei documenti, editarli, validarli e applicare trasformazioni o query in modo semplice e intuitivo. Tuttavia, la GUI è la parte tuttora più instabile del pacchetto.

Per usare i tools XML procedete in questo modo:

Potete anche scaricare i sorgenti dei tools per studiarne il codice. Non potete però ridistribuire versioni modificate dei tools senza il mio esplicito permesso.